Il Perdono come strumento per l’AssertiVità Positiva©

Il Perdono come strumento per l’AssertiVità Positiva©

 

Quando si parla di perdono viene subito in mente l’aspetto religioso del termine. Ok, sì, è vero che il concetto del perdono è peculiare del cattolicesimo (che poi anche di altre religioni), ma la pratica del perdono è una pratica laica. Ci sono delle evidenze di popolazioni che ne facevano uso più di 4000 anni fa.

Allora facciamo un po’ di chiarezza e cerchiamo di capire cos’è, cosa non è e perché è utile per sviluppare l’AssertiVità Positiva©.

 

Cosa non è il perdono:

  • non è dimenticare, anzi è ricordare ma con nuovi strumenti, liberando il ricordo dalla sofferenza;
  • non è condonare ma è liberare dalla sofferenza i vissuti;
  • non è non reagire ma agire liberi dall’odio e dal risentimento, agire liberi;
  • non è un atto di superiorità e neanche di sottomissione;
  • non è una debolezza ma un atto di coraggio.

 

Quindi cos’è il perdono?

È un processo che ci permette di liberarci dalla sofferenza, di guarire dalle ferite attuali e antiche e ci permette di realizzarci per gli esseri meravigliosi che siamo.

È il saper donare tutto ciò che viviamo, donare tutto noi stesse, alla ricerca di ricomporre quella frattura percettiva e riportarci allo stato di unione.

È uno strumento di crescita personale e spirituale che influenza tutti i campi della nostra vita e porta benefici ad ogni nostro livello.

 

Certo, non è facile ma è possibile.

L’altro in questo processo non deve neanche essere presente (pensa ad un ex o a un genitore che non c’è più). Infatti il processo del perdono è una questione personale, tra te e te.

Come dice il Buddha:

“Non perdonare per gli altri ma per la tua pace”

 

Quindi perché perdonare?

  • Per liberarci dalla sofferenza, quella che ci tiene legati a quel ricordo e ci continua a fare male.
  • Per lasciar andare i sentimenti e le emozioni che ci fanno vibrare a basse energie.
  • Per renderci più consapevoli di chi siamo, di quali emozioni proviamo e di quale realtà stiamo creando.
  • Per imparare a gestire meglio il conflitto e le emozioni.
  • Per dare un nuovo significato al passato.
  • Per donare e per donarci.

Questo ci rende più assertive, ci permette di crescere e di evolvere e di vivere una vita più consapevole e piena.

 

In che modo quindi il perdono ci aiuta a sviluppare l’AssertiVità Positiva©?

Nello sviluppo di un’AssertiVità interiore ci rende più consapevoli delle nostre emozioni, dei nostri blocchi e delle strategie vincenti o sabotanti che mettiamo in atto nella costruzione della nostre realtà.

Ci rende responsabili della nostra completa esistenza e quindi creatori nella nostra realtà.

E poi ci dà gli strumenti per elaborare ed evolvere.

Nello sviluppo delle relazioni assertive (e quindi basate sull’accoglienza e sul reciproco rispetto) ci rende più tolleranti, accoglienti e non reattive, meno passive, meno aggressive e meno manipolative, quindi più assertive.

Ci permette di instaurare delle relazioni autentiche, profonde e scevre da ogni logica di necessità, bisogno o manipolazione.

Ci aiuta a comprendere meglio le relazioni che instauriamo, a comprendere cosa ci fa sentire in un determinato modo, perché reagiamo in certe situazioni, da dove nasce il nostro bisogno di confronto. Quindi contribuisce a migliorare la gestione delle nostre emozioni e dei conflitti.

Nello sviluppare l’AssertiVità nel business rende più responsabili e proattivi, ci rende più consapevoli del potere e della forza che abbiamo nel determinare il nostro futuro, nel realizzare i nostri progetti e nel risollevarci dopo ogni caduta. Ci aiuta a ripulirci dai blocchi, dalle convinzioni limitanti, dalle limitazioni che ci poniamo da sole e questo ci permette di manifestarci e di realizzarci completamente.


Se vuoi liberarti dalle zavorre che appesantiscono la tua serenità e la tua vita, se vuoi lavorare con il perdono, contattami per avere le info del lavoro che sto facendo su di me e sulle mie Clienti come Life Designer (facilitatrice del perdono).

O prenota Armonia, l’incontro gratuito per capire se questa cosa fa per te.



Ancora non ti sei collegata/o con me sui social? Ecco dove trovarmi:
FacebookInstagramTwitterYouTubeLinkedIn.

Ti è piaciuto questo articolo? Fammelo sapere qui sotto nei commenti. Ti va di aiutarmi a diffonderlo? Puoi invitare i tuoi amici a leggerlo o condividerlo con loro nei social.

Se vuoi ricevere idee e consigli gratis sulla tua vita e sul tuo business, restare in contatto con me, essere aggiornata/o sugli articoli che scrivo e ricevere le mail con le novità, iscriviti alla mailing list.

 

 

5 consigli per affrontare settembre senza stress

5 consigli per affrontare settembre senza stress

Capita anche a te di fissarti nuovi obiettivi per settembre? Perché quelli di inizio anno non sono andati come volevi e allora ti organizzi per crearne di nuovi o riproporre gli stessi che, anno dopo anno, non riesci a raggiungere, anzi, neanche a lavorarci un po’.

Io per anni ho messo tra i progetti da realizzare riprendere in mano il francese, studiato alle superiori e all’università, perché chissà che un giorno mi sarebbe potuto servire. L’ho messo in agenda ogni mese in ogni settimana ma non c’è stato mai nulla da fare, mai aperto un libro. Tralasciamo le motivazioni della procrastinazione di questo progetto perché non sono importanti ora, la cosa più importante che io abbia fatto al riguardo è stata quella di lasciar perdere e toglierlo dalla programmazione settimanale. Sì perché mi toglieva energia e mi faceva provare quel senso di incompiutezza e quel senso di colpa per non esserci riuscita, ancora una volta.

Settembre è un po’ come il lunedì, c’è chi lo vede un nuovo inizio e chi lo vede come la fine del week end e l’inizio dei doveri, routine noiose, organizzazione rigida, ecc. Come la vedi la vedi, per togliere un po’ di stress a questo settembre puoi operare alcuni accorgimenti e creare delle nuove abitudini positive che ti aiuteranno a “combattere” la fine dell’estate. (altro…)

Essere felice, adesso.

Essere felice, adesso.

Quante volte hai pensato di voler cambiare qualcosa nella tua vita? Ti capita di sentire quella sensazione di voler cambiare qualcosa ma non sai cosa (allora questo ti può aiutare) oppure pensi che vorresti avere un corpo più sano o tonico, un conto in banca più corposo, un lavoro migliore, migliori relazioni, viaggiare di più. Pensi che se riuscissi ad avere quelle cose allora saresti felice. Perché ora, senza quelle cose non lo sei, non lo sei veramente, non lo sei quanto vorresti. E così ti impegni a fissare degli obiettivi e magari ti applichi molto per raggiungerli e lo sai? Non importa se li raggiungi o no, perché quell’obiettivo non ti renderà felice. O forse sì ma solo per un po’, perché poi ti mancherà ancora qualcosa per essere felice e ti rimetterai alla ricerca della felicità, di nuovo. (altro…)

Un nuovo stile di vita

Un nuovo stile di vita

Capita anche a te di sentire l’esigenza di cambiare e di voler ottenere immediatamente un cambiamento? Lo so, vorremmo tutti avere una bacchetta magica in certe situazioni e ottenere subito il risultato eppure non sempre fa bene a noi e alla nostra crescita. Dobbiamo passare per la pratica, per l’esperienza, per gli errori ed imparare a rialzarci: pensa per esempio alla farfalla che sta per uscire dal bozzolo, se la aiutassimo noi rompendolo al posto suo, non svilupperebbe mai la forza necessaria e ci ritroveremmo con un insetto incapace di volare. E soprattutto dobbiamo avere il tempo per preparaci ad accogliere il cambiamento: cosa succederebbe se, visti dei bei mobili su un catalogo sentissi suonare il campanello e alla porta trovassi i mobili? Dove li metteresti? (altro…)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...