Un complimento può cambiare il mondo

Oggi è il World Compliment Day e non potevo che pubblicare un articolo sui complimenti, su quanto sia importate farli e sulle reazioni positive.

Siamo abituati fin da piccoli a sentirci dire cosa non si deve fare, cosa non va bene nel nostro comportamento, cosa dobbiamo fare per integrarci meglio nell’ambiente in cui ci troviamo. Quando poi le cose le facciamo bene però i complimenti stentano ad arrivare.

Il più grande desiderio della natura umana è quello di venir apprezzati.
William James

Una delle cose di cui si lamentano di più i collaboratori nelle aziende dove faccio consulenza è proprio quella di non sentirsi stimati o apprezzati abbastanza perché si dà per scontato il lavoro fatto bene mentre se qualcosa non va si deve dire per migliorare. Questo però comporta che le comunicazioni sono ridotte ai momenti in cui “riprendere” i collaboratori, con la percezione del “non ne faccio una giusta”. E questo a tutti i livelli, dagli operai al management.

Eppure tutti sappiamo quanto fa bene ricevere un complimento! A proposito, di quanto poi sia difficile accettarli ne ho parlato qui.

Sì perché quando riceviamo delle critiche sappiamo cosa non dobbiamo fare (per quella persona, per quell’ambiente, ecc.) ma non cosa fare per migliorarci. Quando riceviamo un complimento invece non solo sappiamo cosa dobbiamo fare per continuare a ricevere quel tipo di considerazione ma, sentendoci più considerati e stimati, siamo molto più propensi a ripetere quel comportamento o più in generale a manifestarci per quello che siamo, perché ci sentiamo migliori e vogliamo esprimerlo. E questo vale per tutti, uomini e donne, bambini o adulti.

Allora, se fare complimenti genera questo circolo virtuoso perché non farne più spesso?

Se per esempio il tuo collega fa qualcosa di buono, per esempio risolve in breve tempo una pratica, perché non farglielo notare dicendogli quanto bravo sia stato? Se l’amica arriva puntuale perché non complimentarsi con lei per avere più tempo a disposizione per stare insieme?

Nessuno mi diceva mai che ero carina, quando ero piccola.
Bisognerebbe dirlo a tutte le ragazzine, anche se non lo sono.
Marilyn Monroe

Siamo talmente poco abituati a fare i complimenti che, forse, non sappiamo neanche come si fanno. Fermati a riflettere: come ti fa stare il fare i complimenti ad un’altra persona? Per esempio il/la partner, un familiare, collega, amica/o, conoscente.

Se vuoi scoprirlo con una sfida divertente e gratuita e scoprire inoltre il tuo livello di assertività iscriviti qui

Perché non provare a migliorare le giornate delle persone facendo dei complimenti? Parti con le persone vicino a te e pensa a cosa ti piace di loro. Comincia con il far sapere loro quello che pensi, cosa ti piace, cosa ami di loro. Vedrai che ne beneficerà anche la vostra relazione.

E quando ti sentirai a tuo agio nel fare e nel ricevere i complimenti capirai quanto portino bellezza, stima, considerazione e gioia nel mondo. E potrai anche riscontrare quanto molto spesso sia enormemente più appagante farli che riceverli.

Il più dolce di tutti i suoni è il complimento.
Senofonte

Ancora non ti sei collegata/o con me sui social? Ecco dove trovarmi: Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, LinkedIn.

Ti è piaciuto questo articolo? Fammelo sapere qui sotto nei commenti. Ti va di aiutarmi a diffonderlo? Puoi invitare i tuoi amici a leggerlo o condividerlo con loro nei social.

Se vuoi ricevere idee e consigli gratis sulla tua vita e sul tuo business, restare in contatto con me, essere aggiornata/o sugli articoli che scrivo e ricevere le mail con le novità, iscriviti alla mailing list.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *