Quando resti bloccato … piccole azioni vincenti

rifare-letto AlessandraAgostoTutti noi abbiamo attraversato una fase di stagnazione, magari non necessariamente un momento brutto, semplicemente un momento in cui non sai più da che parte andare o che azioni intraprendere. Magari hai un grande obiettivo da raggiungere e la distanza ti sconforta e non parti mai oppure hai appena realizzato uno dei tuoi sogni e ci metti un po’ a capire come ripartire. Forse certe situazioni semplicemente ti mettono a disagio o, anche inconsapevolmente, ti fanno paura e non sto parlando di paure tipo volare o parlare in pubblico, magari la paura di sentirti dire di no o di non farcela, situazioni che magari non capisci fino in fondo e non riesci quindi a risolvere.

In sostanza ci sono dei momenti in cui, volenti o nolenti, ci ritroviamo ad attuare dei comportamenti lontani da quelli che vorremmo mettere in pratica: magari abbiamo fatto un piano dettagliato delle cose da fare ma non partiamo mai perché prima guardiamo un social, leggiamo le mail o ci perdiamo in attività di poco conto per non affrontare le cose importanti. E ci sentiamo in colpa ma non riusciamo proprio a partire con le attività più importanti. Ti è mai capitato? I motivi sono diversi, dalla paura, alla procrastinazione, alla poca stima in se stessi, alla convinzione di non meritarsi un successo, ecc..

Ricordo l’ultima volta che è capitato a me: recentemente ho passato quasi un mese a risolvere problemi non miei, e mi sono ritrovata a dover accantonare quasi completamente il lavoro, facevo qualcosa la sera tardi e stanca della giornata passata. Terminato questo periodo finalmente libera di potermi dedicare alle mie attività, ho cominciato a programmare tutte le giornate, fin nei minimi dettagli perché tante erano le cose di cui occuparmi, da quelle giornaliere a quelle restate in sospeso. Dei giorni riuscivo a depennare tutte le attività sulla lista, supersoddisfatta andavo a dormire serena, il giorno dopo stentavo a ripartire. Dei giorni avevo mille idee, il giorno dopo mi sembrava come se si fossero cancellate tutte e chi scrive, dal blog alle relazioni di lavoro, da testi a ricerche, da racconti a tesi universitarie, lo sa che il blocco dello scrittore è terribile!

Che fare allora? Qual è la soluzione? Diamo per scontato che quello che hai messo in agenda come cosa da fare sia una cosa che vuoi fare (se le azioni che non agisci non ti appassionano o comunque non riesci a trovarle “propedeutiche” al raggiungimento dei tuoi desideri, è chiaro che la motivazione stenti ad arrivare …).

Allora la prima cosa da fare è … agire! Sembra banale ma l’unica cosa da fare è questa, agire! Lo so che è proprio questo il punto … ma è la soluzione più semplice. Spesso ci perdiamo e rimandiamo ma è sufficiente dire “basta”, interrompere il circolo vizioso e riprendere in mano le azioni della nostra to do list. Quindi smetti di perdere tempo con i social, l’ultima serie TV o i video di gattini e fila al lavoro 😉

Troppo semplicistico? Ok, ok, allora a questo punto inizia dalle piccole cose:

la prima in assoluto è rifare il letto. Sembra strano ma quando il letto è rifatto molti pensieri si sistemano nei giusti cassettini e ritroviamo la chiarezza che magari ci serve per ridare senso alle nostre giornate. Inoltre è una piccola azione compiuta e, per chi ha il morale e l’autostima sotto i tacchi, è perfetta per darsi una pacca sulla spalla e partire con le attività giornaliere.

Ma potrebbe essere che il letto già te lo fai o che non sia sufficiente allora

sistema una stanza della tua casa, non importa che siano i vestiti o i libri sparsi ovunque in camera da letto, i piatti sporchi nel lavello, i segni del dentifricio sullo specchio in bagno, il pavimento pieno di giocattoli nella stanza del bimbo; non importa se studi o sei disoccupato, lavori in casa o in ufficio, dedica del tempo a sistemare una stanza, magari alzati prima o la sera dopo cena invece di guardare la TV mettiti a pulire o sistemare. La soddisfazione di vedere sistemata una parte di casa tua ti ridarà quel piacere e quella soddisfazione che ti farà rimettere in pista. Inoltre, fare qualcosa pensando solo a quello, ti libererà anche dai pensieri che ti bloccano e ti sentirai più libero di ripartire.

E se invece il blocco ti viene mentre sei al lavoro o all’università?

Beh se lavori in ufficio puoi pulire e sistemare la scrivania ma non sempre è possibile e se sei all’università non hai nulla da sistemare. Allora il mio consiglio è quello di dedicare qualche minuto a guardare qualche video motivazionale o a leggere qualche articolo di persone che nella vita hanno superato grandi ostacoli e ce l’hanno fatta, magari questo ti aiuterà a dare la carica e mettere da parte il tuo blocco.

Ora che ti sei attivato ed hai ritrovato un po’ di motivazione e di voglia di fare, mettiti a fare quello che avevi in programma. Se però ancora non ti senti pronto per agire quell’azione importante (ti capisco, è proprio quello che vuoi dalla vita ma ci sono ancora delle resistenze)

allora mettiti a spuntare un’azione della tua lista di cose da fare, una cosa piccola, una telefonata, la programmazione delle giornate, tenere la contabilità giornaliera, preparare quel documento, fissare un appuntamento, organizzare il menù settimanale, qualunque cosa ti porti via un piccolo periodo di tempo. Ora puoi spuntare l’azione dalla lista e congratularti con te.

Ti senti pronto per dedicarti alle cose importanti ora? Se sì bene, altrimenti

trova un’altra azione che ti impieghi diciamo massimo un quarto d’ora, falla, spuntala dalla lista, congratulati con te stesso, prenditi una piccola pausa, beviti un tè magari, fai quattro chiacchiere con qualcuno ed ora dedicati finalmente alla tua attività importante, è ora! 😉

La cosa importante è che tu non ti senta in colpa, capita a tutti e può capitare anche spesso di non riuscire a trovare subito l’ispirazione, se ti metti a sprecare il tuo tempo non combinerai nulla, se invece lo impieghi in attività che ti aiutano a non pensare al tuo blocco poi quello si scioglie e tu puoi riprendere e, una volta finito quello che dovevi fare, potrai essere molto soddisfatto di te stesso.

Pensa però a queste soluzioni solo come strategie da pronto soccorso d’efficacia: se la situazione si ripete giorno dopo giorno o molto spesso, allora queste strategie non bastano più e dovrai per forza ricorrere ad altre soluzioni, anche perché le cause potrebbero essere più profonde o la rimandite più avanzata.

E ora vai, sbloccati e realizza i tuoi sogni! 😉
Ale

Ancora non ti sei collegato con me sui social? Ecco dove trovarmi: Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, LinkedIn.

Ti è piaciuto questo articolo? Fammelo sapere qui sotto nei commenti. Ti va di aiutarmi a diffonderlo? Puoi invitare i tuoi amici a leggerlo o condividerlo con loro nei social.

Buona giornata!
Ale

Se vuoi ricevere idee e consigli gratis sulla tua vita e sul tuo business, restare in contatto con me, essere aggiornata/o sugli articoli che scrivo e ricevere le mail con le novità, iscriviti alla mailing list.

fonte foto
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 pensieri su “Quando resti bloccato … piccole azioni vincenti

  1. Lor3nz0

    Mi sono veramente piaciute le azioni pratiche che hai proposto per poter accrescere la nostra autostima, e condivido queste azioni pratiche che hai proposto, soprattutto il fatto che magari quando ci sentiamo un po gi di morale, quello che veramente ci pu aiutare semplicemente fare un po di sport, farsi una bella doccia e magari indossare il proprio capo di abbigliamento preferito.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *