Come definire gli obiettivi

8. obiettivo Alessandra AgostoBuon anno a tutti! Avete fatto la vostra lista di buoni propositi per l’anno che è appena cominciato? State continuando a portarli avanti oppure avete già mollato tutto? Siamo solo l’8 gennaio e spero che stiate ancora continuando ad impegnarvi per raggiungere i vostri obiettivi.

Vi siete messi a dieta? Avete deciso di smettere di fumare? Volete migliorare il bilancio familiare? Volete affinare qualche qualità personale come la concentrazione, la tolleranza o altro? Ogni obiettivo che vi prefiggete deve essere ben formulato per essere raggiunto, vanno specificate bene tutte le caratteristiche che ha per dare le giuste indicazioni alla nostra mente:

  • per prima cosa va messo per iscritto (così anche a distanza di tempo non rischiate di dimenticarvi i particolari);
  • va espresso in forma positiva e presente (evitate le negazioni, i non, il futuro o condizionale);
  • deve essere facilmente misurabile (dire “voglio migliorare la forma” non vuol dire molto, dire invece “voglio pesare tot” è specifico e potete verificare i miglioramenti);
  • infine deve essere raggiungibile.

Per ogni obiettivo che vi ponete ci sono poi delle azioni da compiere per raggiungerlo che vanno identificate: per esempio se volete migliorare la vostra forma fisica penserete alla dieta e a tutto quello che potete mangiare e quando, penserete agli allenamenti (quanto, quando, dove, come, ecc.) e penserete anche ad avere un atteggiamento più positivo cercando di eliminare le vostre convinzioni limitanti rispetto alla vostra forma (non riesco a dimagrire, sono troppo avanti con l’età, il mio metabolismo è lento, non ho tempo, se esco con il freddo mi ammalo, ecc.).

In particolare per ogni obiettivo vanno individuate le risposte a tutte queste domande:

  • perché voglio raggiungerlo (il motivo che mi spinge all’azione);
  • entro quando voglio raggiungerlo (la mente ha bisogno di limiti altrimenti procrastina);
  • chi è coinvolto nei miei obiettivi (se dipende solo da me posso cercare di ottenere dei risultati, se dipende da altri non ne avrò il controllo);
  • cosa posso fare per raggiungerlo, le azioni concrete, ed anche quando posso agirle, dove e come.

Ognuna delle azioni individuate va inserita in agenda, trovando lo spazio per inserirla e poi le azioni quotidiane vanno agite!
Penserete che ho detto una banalità ma la maggior parte delle persone che smettono di perseguire i buoni propositi di inizio anno semplicemente non fanno le cose indicate in agenda. Sembra assurdo vero? Eppure è così.
Ci risentiamo tra pochi giorni per un altro step su come organizzare i vostri obiettivi per raggiungerli facilmente. Buoni propositi 😉
Ale

E voi che obiettivi vi siete fissati per questo 2016? Scrivetelo sotto nei commenti!

Se volete essere avvisati dei nuovi articoli, prendete visione dell’informativa sulla privacy e mandate una mail a info@alessandraagosto.it.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *